Una passeggiata a Posillipo, dal Casale alla Gaiola fino al mare

In questa passeggiata discendiamo la collina di Posillipo, nota ai napoletani e ai turisti, proponendovene uno sguardo diverso. Fra le antiche strade che collegavano la zona a monte col mare e le marine  borghi di pescatori con i loro nomi e scorci panoramici, il cammino lungo il quale vi accompagniamo sarà di 4750 passi.

p.zza merechiaro

Immaginate Posillipo senza troppe case, con molta più vegetazione e solo con i Villaggi del Casale, oggi Borgo del Casale e di Villanova a Porta Posillipo. Questo il panorama fino a tutto il Settecento.

discesa gaiola-a-posillipo

Partiamo da Capo Posillipo per gli autoctoni, FOR’ O MONT’, dopo circa 340 passi e mantenendoci sul lato destro della strada, incontriamo la Discesa della Gaiola, che partendo dal mare era una delle vie di comunicazione che collegava il mare col monte. La  zona Gaiola-Marechiaro era abitata già in epoca romana.  A 390 Passi c’è la strada che conduce al Parco delle rimembranze o Virgiliano, salita del Casale.

discesa marechiaro

585 Passi, c’è Piazza Marechiaro, dove troviamo l’incrocio che ci porterà scendendo a destra al Casale e a sinistra al Virgiliano.

via-del-casale-verso-il- virgiliano

820 Passi, stiamo percorrendo Via Santo Strato, sulla destra è Via Franco Alfano, detto O’ PUNTARIELL’, una delle due strade che collegava il Casale col mare.

pontariello-via-posillipo

1210 Passi: Via del Fosso , la seconda via di collegamento  dal Casale, che proseguiva per le attuali piscine Rocce verdi, ora Fattorusso.

rocce-verdi-villa-fattorusso

L’apertura di via Posillipo fu fatta da Gioacchino Murat, attualmente Via del Fosso sbuca sulla strada mentre in origine doveva spingersi fino al mare lungo il tracciato di via Ferdinando Russo.

L’urbanizzazione ha trasformato una realtà rurale, ha salvato il Casale di Santo Strato che sembra ancora un isolato di villaggio popolare.  Le case sono basse in fila lungo vie strette, c’è il nostro itinerario.

o' fuoss'

La Discesa Villanova a Posillipo si aggiunge alle altre pedementine di Napoli. Parte da uno dei più antichi casali di Posillipo, la rampa infatti collega il sobborgo alla costa, con una gradinata molto ripida, detta “canalone”.

 

La discesa Villanova è scavata nella roccia per tutto il percorso di tufo. Tanti ostacoli ne impediscono la fruizione, ci sono sterpaglia e crolli che ne rendono difficile il percorso. Oggi questa discesa è stata in parte bonificata.

o-cievezo

1410 P Via Torre Ranieri, O’ CIEVIZO che collegava la Torre di avvistamento con la Marina del capo, capo Posilipo è conosciuta oggi come Giuseppone a Mare o via Ferdinando Russo che ci conduce a Riva Fiorita.

p.zza di giacomo

1620 Passi: dopo un meraviglioso panorama arriviamo in Piazza Salvatore di Giacomo, E SCIARDINETT’,

1890 Passi, troviamo sulla sinistra  il Mausoleo ai caduti.

2450 Passi, iniziamo a vedere una villa monumentale, Villa Rocca Matilda nota come Villa Lauro, e scendendo ancora la Baia del CENITO, godiamo oltre la bellezza della baia.

villa-lauro-villa-rocca-matilda

2870 passi, piccolo scorcio con minuscola baia, e monach’, ove vi era un Convento con convitto ed è in costruzione un albergo.

terrazze -veduta

3160 Passi,  Le Terrazze, una finestra sul mare con tante strutture ricettive.

3280 Passi, siamo a Piazza san luigi.

monache-convitto

3370 Passi, lo scorcio meraviglioso dal quale è possibile vedere O’CAP’,

3530 Passi, da cui possiamo vedere la piccola Baia di San Pietro ai due frati ed il Canalone, che prosegue nelle Scale di San Pietro, antica Via di collegamento della piccola marina col borgo di Villanova.

discesa-san-pietro

4140 Passi, iniziamo a vedere Palazzo Donn’Anna, palazzo del XVII secolo, e continuando a scendere lo vedremo per intero ed anche la piccola baia e la spiaggia che è sotto, ora sede di stabilimenti balneari. Il Palazzo Donn’Anna è legato ad alcune leggende racconta dalla scrittrice Matilde Serao.

Palazzo-donn-anna

4750 Passi, siamo arrivati al mare. Sperando che abbiate trovato interessante questa passeggiata. Ora riposatevi godendo il panorama.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *