Posillipo le scale di salita Villanova il canalone

Ecco un’altra scala che serviva da via di collegamento dalla collina al mare, stiamo parlando della collina di Posillipo e del mare azzurro della nostra bellissima città. La scalinata è quella di Salita Villanova, oggi piena di vegetazione incolta.

La scalinata si trova a Posillipo, oggi è parte integrante della città ma in un passato non poi così lontano, era solo una collina con due casali o casati. Si tratta di piccoli borghi dove più che altro si gestiva la giustizia ordinaria e si riscuotevano le tasse. Questi borghi collinari avevano un collegamento al mare.

Nel quartiere di Posillipo c’erano due casali, quello di Villanova e di Santostrato che si trovavano ai due capi della collina.

Villanova era quello dalla parte rivolta verso la collina del quartiere Vomero ed il Castello di Sant’Elmo, la sua marina era la baia di San Pietro a due frati. La scalinata era ricavata interamente nel tufo e scende direttamente al mare. La stradina era percorsa dai pescatori che in inverno abitavano in collina e in estate si trasferivano nella zona della marina. I pescatori vivevano nelle grotte, cave di tufo nelle quali sino a pochi decenni vi erano cantieri navali.

Villanova segna il passaggio tra il Vomero, Masseria Cardone, sita in Via Belvedere, e la collina di Posillipo, attraverso via Porta Posillipo. Alla fine si arriverà a Torre Ranieri, sita in Via Manzoni, circa a metà della sua lunghezza.

Sotto Via Petrarca c’è un tunnel basso, poi comincia il tufo, vuol dire che siamo vicini al quartiere di Posillipo. Siamo arrivati su Via Posillipo e di fronte c’è la Discesa di San Pietro ai due frati. Ci abbiamo impiegato circa venti minuti per fare questo percorso abbastanza agevole, anche se in alcuni punti è abbandonata la scalinata la collochiamo tra le scalinate di Napoli, le scale di Salita Villanova.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *