Palazzo dei Sansaverino o Gesù Nuovo, la maledizione del bugnato

simbolo-esoterici-chiesa-del-gesu-nuovo

Il palazzo del Gesù Nuovo il cui nome è palazzo dei Sanseverino ha alle sue spalle una storia molto particolare caratterizzata dalla sfortuna dei suoi proprietari. Il Palazzo si trova proprio di fronte alla Chiesa di Santa Chiara. La sua storia è molto antica ed oggetto di sventura. Il tutto è legato alle incisioni presenti sulle bugne della facciata esterna. Ma andiamo con ordine e raccontiamo la storia del palazzo del Gesù Nuovo.

Il palazzo del Gesù Nuovo fu costruito nel 1470 da Novellino da S. Lucano grazie ai “tagliapietra” napoletani per ordine di Roberto Sanseverino principe di Salerno. Il palazzo passa al figlio Antonello che poi fu allontanato dalla città.

bugnato-chiesa-del-gesu-nuovo

Ferrante ed Isabella Sanseverino furono costretti a lasciare Napoli scacciati dal re Filippo II, che vendette il palazzo alla Compagnia di Gesù.  I Gesuiti entrarono in possesso del palazzo e cominciarono a ristrutturarlo nel 1584.

Del palazzo non fu toccata la facciata bugnata ed il basamento. All’interno fu edificata la chiesa barocca che fu consacrata il 7 ottobre 1601. Il giorno dopo si abbattè nuovamente la maledizione del palazzo, che colpì l’Ordine dei Gesuiti che venne allontanato dal regno e la chiesa fu affidata ai Francescani.

I Gesuiti entrarono di nuovo nel palazzo nel 1821.

La maledizione ci viene spiegata da alcuni simboli che sono stati tracciati proprio sulla facciata bugnata, la cui natura si suppone esoterica. Le pietre in piperno del bugnato sono opera dei “Maestri pipernieri” adepti di una segreta corporazione che tramandava l’arte dei tagliatori di pietra campani, dall’epoca romana, “sotto giuramento agli apprendisti”.

Si dice che Roberto Sanseverino chiese l’aiuto di esperti dell’esoterismo alchemico e fece tracciare i segni sulle bugne come rito favorevole. Un’altra versione dei fatti è quella che vorrebbe la corporazione dei pipernieri, autori del maleficio, proprio con i segni misteriosi su richiesta di un nemico dei Sanseverino.

Questi simboli sono forse collegabili al maleficio dei proprietari secolari di palazzo del Gesù Nuovo e nascondono una maledizione cifrata.

 

Fonte: http://www.archeosando.it/bugnato.htm 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *